Mediazione turistisco Alberghiera

Autore : LegalProfessionalNetwork

Durante il tuo viaggio hai subito un danno, che si tratti di danno alla persona o danno diverso? Hai subito l’annullamento di un viaggio o di una prenotazione?

Il cittadino consumatore e l’impresa hanno diritto ad ottenere tutela e rivalersi nei confronti degli organizzatori e di chi opera nel settore turistico e alberghiero.

Vediamo come.

Oltre a ricorrere alla giustizia ordinaria, nel caso in cui il danno abbia un valore patrimoniale di cospicua valutazione, è possibile affidasti alle ADR (Alternative Dispute Resolution), le cosiddette risoluzioni alternative per le controversie quali ad esempio la negoziazione, la mediazione e la conciliazione.

In particolare per le controversie di natura transfrontaliera, ossia in cui le parti appartengano a diverse nazionalità, o in cui il consumatore è in uno stato e la sede legale del tour operator o comunque di chi esercita le attività è in uno stato diverso, specie nel caso di provider e di siti con la sede legale in paesi della Unione Europea, nel caso in cui il valore non sia eccessivo, può essere utile anche avvalersi della piattaforma della Unione Europea.

Tale tipologia di conciliazione può essere effettuata on line, https://ec.europa.eu/consumers/odr/main/index.cfm?event=main.home2.show&lng=IT, presso le camere di commercio o presso gli organismi comunicati ed accreditati presso la Commissione Europea, come Conciliando Med di Legal Professional Network https://ec.europa.eu/consumers/odr/main/?event=main.adr.show2.

La Legal Professional Network si avvale, attraverso la sua struttura ramificata su tutto il territorio nazionale, di professionisti specializzati nelle controversie transfrontaliere, aventi ad oggetto tematiche di natura turistica e alberghiera, trattando le medesime nelle lingue originali ( in particolare inglese, francese, tedesco, spagnolo e arabo ).

Come funziona?

L’interessato (Consumatore od Operatore) presenta una domanda alla Segreteria dell’organismo di conciliazione o on line.

L’Ufficio contatta subito l’altra Parte della controversia e fissa un incontro a brevissimo termine: perché il tentativo di conciliazione prosegua è infatti necessaria l’accettazione della parte chiamata in conciliazione.

L’Ufficio, se la Controparte accetta, nomina un Conciliatore, qualificato terzo imparziale che aiuta le Parti a trovare una soluzione condivisa. In caso di conciliazione transfrontaliera deve essere un professionista che conosca la normativa internazionale e le lingue straniere.

In caso di conciliazione viene redatto e sottoscritto un accordo, con valore contrattuale, che stabilisce i termini di risoluzione della controversia.

Se le Parti non raggiungono un accordo viene redatto verbale di mancata conciliazione e quindi si prosegue in giudizio.

In quali casi si può accedere alla conciliazione del consumo e turistica? In tutti i casi in cui il consumatore, ossia il turista o il viaggiatore abbia subito un danno e abbia diritto ad essere risarcito. Basti pensare alla vacanza rovinata dall’acquisto di un pacchetto turistico o da un servizio insoddisfacente, agli standard della struttura ricettiva non corrispondente a quello promesso, al ritardo dell’aereo che comporta un danno, alla difficoltà di recupero del dovuto da parte di un cliente poco affidabile, ai danneggiamenti da parte di un cliente, all’annullamento delle prenotazioni.

E molto altro ancora…

I vantaggi sono: tempi rapidi di risoluzione della controversia; costi molto contenuti e prefissati (v. tariffario); riservatezza circa lo svolgimento e gli esiti della procedura; conciliatori qualificati e scelti tra gli iscritti in un apposito elenco trasmesso al Ministero della Giustizia; opportunità per le Parti di proseguire il loro rapporto dopo la risoluzione della controversia; semplicità e mancanza di formalità di procedura; possibilità di conciliare addirittura on line.

Interessante sarebbe, come negli altri stati europei, attivare sportelli di conciliazione turistica ed alberghiera in tutte le zone turistiche e ricettive d’Italia, presso gli uffici turistici, i comuni, gli enti provinciali del turismo, le associazioni alberghiere, turistiche, addirittura presso gli hotel e le strutture ricettive e ricreative di tali settori. Di certo, qualora una soluzione non si trovi nella immediatezza, i professionisti saranno in grado di seguire i propri clienti in sede giudiziale, tutelandoli nelle modalità più opportune.

Se sei interessato alla conciliazione turistico/alberghiera, ad attivare questo servizio in ambito istituzionale o territoriale o presso associazioni o presso strutture ricettizie, turistiche ed alberghiere, contattaci e ti diremo che passi seguire

Invia una mail ad amministrazione@legalprofessionalnetwork.org , indicando nell’oggetto la parola collaborazione se intendi collaborare con noi o attivare un centro di consulenza di assistenza in materia turistico alberghiera, consulenza se intendi richiedere una nostra consulenza.

Sarai ricontattato dai nostri operatori.

Potrebbe Interessarti:

Iscriviti alla newsletter

e riceverai in tempo reale tutti gli aggiornamenti dal sito www.legalprofessionalnetwork.org

Web Analytics