No Default

No Default è un progetto che ha la sua genesi nell’anno 2012.

Inizialmente, il progetto mirava ad aiutare le imprese nella fase del contenzioso, attraverso lo strumento della mediazione civile, evitando il contenzioso medesimo o intervenendo in fase endoprocessuale.

Nel mese di Gennaio 2015, finalmente, il progetto NO DEFAULT assurge alla sua definitiva fisionomia, ossia quella attuale, subendo una modifica totale e diventando un progetto di assistenza e tutela alle imprese avente natura trasversale.

In passato, il termine NO DEFAULT veniva assunto come no al fallimento, no alla crisi, per cui, si tendeva ad indentificarlo come una serie di azioni finalizzate ad evitare la crisi dell’impresa, come una serie di interventi atti a limitare i problemi delle imprese, piccole, medie, grandi e degli imprenditori di ogni tipologia unicamente nella fase del contenzioso, attraverso lo strumento della mediazione civile.

Oggi, invece, il progetto nasce sotto nuove vesti, in quanto, i professionisti oltre ad affiancare le imprese nel doloroso percorso della crisi e nella gestione delle problematiche derivanti dal passato, si propongono l’obiettivo di aiutare gli imprenditori a vivere nel “qui e nell’ora”, cercando di assisterli nella gestione dei propri problemi tecnicamente e psicologicamente, ma soprattutto si pone l’obiettivo di aiutare gli imprenditori a guardare avanti, ad andare avanti in maniera adeguata.

Si potrebbe semplicemente dire che alla cura e alla soluzione del problema si affianca anche la prevenzione del problema.

Il nostro obiettivo? Aiutare gli imprenditori ad avere una prospettiva nel presente e nel futuro, nonché ad avere la mente libera, aiutandoli a letteralmente a “togliersi qualche pensiero dalla testa”.

Quanti imprenditori si sono ritrovati con problematiche aziendali derivanti dalla mala gestio di consulenti impreparati e negligenti, con debiti verso terzi non per propria volontà, con debiti verso equitalia, problematiche con l’agenzia delle entrate, addirittura procedimenti penali per violazioni di norme tributarie o fiscali, in conseguenza di omissioni legate alla crisi economica o alla mala gestio dei consulenti, o ancora con problemi con le banche, le finanziarie, le assicurazioni, i dipendenti, i truffatori, gli avventori, la concorrenza sleale…. forse, quasi tutti gli imprenditori hanno problemi di questo tipo.

L’imprenditore italiano quotidianamente combatte la lotta per la propria sopravvivenza, venendo in contatto con avventori e nemici più o meno potenti, e, quante volte, il primo nemico purtroppo è lo Stato, che non è in grado di aiutare chi eleva il proprio grido di aiuto.

No default nasce per questo, per dare voce agli imprenditori che non hanno voce, per aiutarli ad uscire dalla logica del passato, del terrore, della paura, della sottomissione, dell’auto compatimento, per traghettarli verso una logica di forza, consapevolezza, responsabilità e sopravvivenza, affiancati da professionisti adeguati che siano in grado di fornire le giuste risposte ed il giusto aiuto, al momento giusto.

Come agiamo? Offrendo consulenza agli imprenditori nei settori di:

  • Sovraindebitamento ( il nuovo innovativo settore, visita la nostra sezione )
  • Giudiziario e processuale ( assistenza in ogni ambito processuale )
  • Risoluzione alternativa delle controversie ( mediazione ed arbitrato come strumenti per evitare il giudizio )
  • Consulenza legale, aziendale, tributaria
  • Counselling aziendale
  • Formazione per imprenditori e professionisti d’impresa
  • Internazionalizzazione d’impresa
  • Networking tra le imprese e i professionisti
  • Tutela per gli imprenditori aggrediti dalla criminalità
  • Tutela per le donne imprenditrici che combattono contro tutti i nemici, primo il pregiudizio

Le tariffe applicate sono rese pubbliche, sia in materia di sovraindebitamento che di mediazione, che di consulenza legale e sono ampiamente accessibili.

Diciamo basta al default, diciamo basta alla crisi, diciamo basta ai suicidi di stato e diciamo basta ai condizionamenti mentali che lasciano fermi gli imprenditori, impedendo loro di continuare ad operare.

La mano simboleggia lo stop, basta, “Io ti fermo, io resisto e non fallisco e dico: No default! No alla crisi di impresa e no al sovraindebitamento!”.

CONTATTACI, SAREMO LA TUA VOCE E SAREMO AL TUO FIANCO

Informazioni per corsi

Web Analytics